venerdì 21 novembre 2014

Zuppa di castagne e fagioli borlotti

Non dovremmo cedere a chi ci provoca.
Ma a volte è terribilmente difficile.
Io non ci sono riuscita.
Sono stata provocata.
E mi sono lasciata trascinare.
Un post.
La zuppa di ceci, marroni e nocciole tostate.
Commenti entusiastici di alcuni dei miei venticinque lettori, bontà loro.
E un commento provocatorio.
Io faccio una zuppa con i fagioli e le castagne...
Ho fatto finta di  niente.
Un altro post.
La zuppa di castagne e piselli secchi.
E di nuovo quella provocazione.
Le castagne io le metto nella zuppa di fagioli...
Non ce l'ho fatta.
Ho ceduto.
La zuppa di fagioli con le castagne la dovevo conoscere anch'io!
E dopo averla conosciuta mi sono posta una domanda.
Ma in fondo, cedendo alla provocazione, ho sbagliato veramente?

Zuppa di castagne e fagioli borlotti



da un'idea provocatorissima di Stefania

Ingredienti per 2 persone:
500 g circa di fagioli borlotti con il baccello (250 g circa da cotti)
1/2 gambo di sedano
1/2 carota
1/2 cipolla
le estremità superiori di un bulbo di finocchio (gli spuntoni verdastri con le barbe attaccate, che di solito si tagliano e si scartano)
1 foglia di salvia
2 foglie di alloro
300 g di marroni (peso a crudo)
1 scalogno
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
peperoncino tritato
1 cucchiaio circa di ciuffetti di finocchietto selvatico fresco
1 cucchiaino di timo secco
2 fette di pancetta arrotolata

Preparazione:
Sgranate i fagioli e metteteli in una pentola con il sedano, la  carota, la cipolla, le estremità del bulbo di finocchio private delle barbe, la foglia di salvia e una foglia di alloro spezzata. Coprite con acqua fredda, portate a bollore, abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per circa 10 minuti.
Lessate le castagne, sbucciatele, privatele della pellicina interna e spezzettatele grossolanamente.
Unite in una pentola lo scalogno tritato, l'olio, il peperoncino e l'altra foglia di alloro spezzata a metà.
Fate appassire lo scalogno a fiamma moderata per qualche minuto, poi unite le castagne e lasciate insaporire per qualche altro minuto a fuoco basso e pentola coperta, mescolando spesso.
Aggiungete i fagioli, il finocchietto e il timo e coprite con il liquido di cottura dei fagioli, aggiungendo al bisogno altra acqua fino a coprire i fagioli.
Cuocete a fuoco basso per circa 20 minuti, poi aggiungete la pancetta tagliata a listarelle e continuate la cottura per altri 10 minuti.
Servite la zuppa calda, meglio se dopo averla fatta riposare per qualche ora.

Questa ricetta partecipa al 100% GLUTEN FREE FRI(DAY) di Gluten Free Travel and Living.

I Love Gluten Free (FRI)DAY – Gluten Free Travel & Living

12 commenti:

  1. Io ancora resisto, per me zuppa è uguale inverno e ancora non mi rassegno che sia arrivato!

    :*

    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che se non ti sbrighi a rassegnarti le castagne non le trovi più! :o)
      Un bacio e grazie!

      Elimina
    2. ma le zuppe sono come il Natale, quando arrivano....arrivano!!!
      :D:D:D:D:D:D:D:D

      Elimina
  2. Ti è piaciuta????
    Sono contenta che ti sia lasciata provocare!!! :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io sono contenta che tu mi abbia provocato! :D

      Elimina
  3. ...e hai fatto bene a cedere!!!
    Le castagne danno un sapore particolare a tutto, dai dolci ai piatti salati.

    E adesso ti provoco io!!! :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà perché, di metterle in un dolce non mi è venuto in mente! :D
      La tua provocazione mi tenta assai... ma la devo girare a Magno, perché il Re delle Tagliatelle è lui! :D
      Grazie, Piero! :o)

      Elimina
    2. ...ma come non ti viene in mente?
      E il Mont Blanc dove lo mettiamo....?

      p.s. Daje sotto, Magno. :)))))

      Elimina
    3. sisisisisi che le faccio. Anche perchè devo sfatare (o confermare) una spiacevole esperienza con la farina di castagne. Anni fa andai a Smerillo (nelle Marche) in occasione della castagnata. In quei giorni il paese, di poche anime (meno di cento se non sbaglio all'epoca) si popola di visitatori. Inutile dire che imperversa la castagna. Orbene assaggiai qualcosa (non ricordo cosa) che non mi piacque. Diciamo che da allora l'uso della farina di castagne non mi entusiasma... ma forse era fatta male? Chissà.... eccccerto che le faccio.
      :DDDDDDDDDDDDDdd

      Elimina
    4. E' che sono entrata nel mio periodo salato... :D

      Elimina
    5. mmmmmumlbe mumble... Piero i miei ricordi sono sbiaditi. Potrebbe anche essere. C'è qualcosa che non ricordo che mi ha traumatizzato e, in generale, sto lontano dalla farina di castagne... però...
      :-)))))))

      Elimina

Benvenuti in casa GaudioMagno!
Lasciateci un pensiero, ci farà piacere e vi risponderemo appena possibile. :)

I commenti pubblicitari con link a siti di vendita online sono invece considerati altamente molesti e NON VERRANNO PUBBLICATI: preghiamo i venditori di rivolgersi altrove.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...